Una tenue luce diffusa. La pittura di Marcello Carollo 1914-2004

Una tenue luce diffusa. La pittura di Marcello Carollo 1914-2004

Marcello Carollo ha portato con sé fin dalla giovinezza il demone gioioso dell’arte e la sua pittura si è sempre presentata ai nostri occhi con le caratteristiche peculiari di un vera e propria ricerca poetica; con gli echi, i ritmi, l evocazioni che segnano e che candiscono i movimenti di una ricerca poetica.

Colori pensati, in un infinita gamma di variazioni che creano l’atmosfera di quel luogo, di quella stagione, di quell’incontro. La sua è una pittura lirica che accoglie la natura e la vita degli uomini con quella profondità sentimentale tipica di chi vuole vedere e far veder la linea promettente dell’orizzonte, anche quando il cielo è plumbeo, pesante sopra ogni capo, e si presenta ai nostri occhi con le caratteristiche esplicite di una ricerca poetica. La sua passione pittorica è coincidente con una vita lunga e operosa, intrecciata con gli umori della terra, aggrappata alle sue asprezze e alle sue fecondità.